Il melasma o cloasma (ipermelanosi) è un’alterazione a livello cromatico della cute caratteristica della gravidanza. Si presenta con macchie marroni o grigie, principalmente sul viso.

Le aree più comuni per l'apparizione del melasma sul viso includono:

zigomi
fronte
mento
labbro superiore

Chi colpisce
Compare quasi sempre nelle donne in età fertile tra i 20 e 40 anni.  Si presenta di colore bruno chiaro o scuro, con limiti irregolari e frastagliati. Si pensa che gli ormoni sessuali (estrogeni) stimolino nella cute una eccessiva produzione di melanina dopo l’esposizione alla luce solare, alle lampade abbronzanti (lampade UV) e al calore (ceretta). Pur essendo una condizione tipica delle donne, negli ultimi anni si registra un incremento di casi anche nei maschi.

Le cause
Le cause più frequenti sono diverse, tra cui familiarità, cute bruna, gravidanza, contraccettivi orali, esposizione solare. L’uso di cosmetici profumati o creme depilatorie può favorirne la comparsa.  Durante i mesi invernali è poco visibile ma, già in primavera, con le prime esposizioni solari, si riacutizza sempre nelle stesse sedi creando notevole disagio, fino a una vera e propria psicosi.

Diagnosi e terapia
Individuare la profondità del pigmento costituisce la base per impostare la migliore tecnica di eliminazione: maggiore è la sua profondità, tanto più difficile sarà la rimozione. E' bene sempre irvolgersi ad uno specialista in dermatologia per individuare il trattamento terapeutico più indicato che varia da caso a caso. 

Prevenzione

Naturalmente la prevenzione gioca un ruolo fondamentale: per evitare il ripresentarsi delle macchie è indispensabile applicare una crema solare con un alto fattore di protezione, anche in caso di cielo coperto o di esposizioni di breve durata. Se l’esposizione al sole si prolunga, l’applicazione di crema protettiva va effettuata più volte, a intervalli regolari. Quest’applicazione è seguita da una moderata sensazione di bruciore della durata di qualche minuto.

Prodotti Consigliati